giovedì 27 ottobre 2011

MoreMania: uno sguardo e - ZACK - amore a prima vista


C'è chi dice di avermi visto a Linux Day 2011 di Parma abbracciato a - ZACK - amore a prima vista, c'è da crederci?

Allora, perché non analizzare se la foto (in fondo), che mi è stata inviata dal mondo là fuori dal mio Salottino, è un falso oppure no?
In vostro aiuto, potete usare strumenti come http://errorlevelanalysis.com*

Ovviamente ci sono anche Geek poco avvezzi agli strumenti informatici, e a questi scrivo il permalink all'analisi dell'immagine: questo è il risultato dell'analisi della foto (devi cliccarci sopra).


 [UPDATE] Leggendo i commenti, evinco che Zack si mostra solo seppiato o con inquadrature "spigolose" (???), cercherò di rimediare pubblicandolo, in apertura, nella versione "brodo di seppia", mentre qui sotto trovate la foto originale che mi è stata inviata:


 *Se riuscite a interpretare (a capire) l'immagine ELA, vincete la possibilità di poter succhiarvi lo stecchino di plastica del caffè nel mio Salottino

7 commenti:

  1. Devo dire che preferivo Zacchiroli nei toni del seppia magari sgranati o in pose assorte con inquadrature "spigolose" o slanciate in atmosfere serie ...in questa inquadratura nature è tanto naif in nostro Zack. Tutto l'opposto per l'altro "individuo" troppo ritoccato e quel viso così glabro così ....così....ma non so a chi appartenga. Ciao !

    RispondiElimina
  2. Perdona la lentezza mentale, ma non riesco a interpretare il risultato dell'analisi d'immagine da te collegata.

    La spiegazione in basso in quella pagina spiega un processo interessare che coinvolge i jpeg, ma tornando poi all'immagine non noto zone diverse dalle altre, se non i contorni più luminosi che riproducono quelli dell'immagine prima del processo di salvataggio multiplo.

    Insomma, ti tocca spiegarmi la spiegazione...
    GipPasso

    RispondiElimina
  3. @GipPasso
    Semplice: è tutto chiaramente spiegato nel libro dell'autore di ELA
    "A Picture's Worth: Digital Image Analysis and Forensics" Dr. Neal Krawetz, Hacker Factor Solutions, (http://www.hackerfactor.com/papers/bh-usa-07-krawetz-wp.pdf)

    Mentre per la soluzione... devi aspettare :-)

    RispondiElimina
  4. Dai è meglio no ? Bye

    RispondiElimina
  5. A dire il vero, personalmente mi sembra che l'analisi fotografica confermi l'autenticità della foto (almeno facendo il paragone con la donzella sulla pagina dell'autore, la quale ha evidenti tracce "scomposte" nelle parti ritoccate)... ;-)

    RispondiElimina
  6. la soluzione è:

    la foto pubblicata è AUTENTICA,
    avevo soltanto una distorsione al collo e qualche problema nell'apposita fenditura della scatola cranica (che mi ero fatto fare da un bravo chirurgo) per l'innesto del cappello.

    RispondiElimina
  7. ok, scherzavo (altrimenti non dormo per i rimorsi di coscienza)
    la foto, evidentemente, è un falso ben fatto
    ..anche se il "ben" è molto discutibile.


    Che ELA non sia infallibile? 'sti Programmatori ;-)

    RispondiElimina